Dalla persona/Gli altri articoli...

Nuove confessioni per spezzare le ipocrisie

“Nuove confessioni di una coppia scambista” di Francesca Mazzucato (Giraldi Editore 2012).

Francesca Mazzucato ci emoziona ancora accompagnandoci nel mondo della letteratura erotica con Nuove confessioni di una coppia scambista (Giraldi Editore 2012). Il libro è la naturale prosecuzione di un discorso iniziato con Confessioni di una coppia scambista (Giraldi Editore 2006), in cui Didi Mistero, la protagonista, racconta le proprie avventure trasgressive con suo marito, Thomas. La storia vera, narrata sotto pseudonimo, di una nota professionista della moda italiana che non svela il proprio nome ma non disdegna di seminare indizi utili al proprio riconoscimento.

Come spiega lei stessa nella prefazione: «Anni fa abbiamo raccontato i nostri desideri, le nostre esperienze, le nostre serate […] alla scrittrice Francesca Mazzucato. […] Nonostante l’anonimato […] è accaduto quello che non avremmo mai voluto: qualcuno ci ha riconosciuto». L’esibizionismo che si legge tra le pieghe dei racconti è lampante. Che sia stata la scoperta di questo nuovo piacere ad aver spinto la coppia a prodigarsi per un secondo capitolo della storia? È un diario che racconta l’evoluzione dei protagonisti, divisi tra la vita professionale ben consolidata e i momenti di totale liberazione da ogni giogo ed etichetta. Pura leggerezza.

Nei club, Thomas scopre e apprezza la propria bisessualità guadagnandone in virilità, mentre Didi assapora la perdita di ogni volontà trasformandosi in un vero e proprio oggetto sessuale. Eccitandosene. Ma c’è qualcosa che va oltre la semplice perversione e l’autrice, con una saggia cesellatura di brevi dialoghi su Twitter e confessioni ora di Didi, ora di Thomas, descrive in maniera cruda e coinvolgente la loro travagliata trasformazione interiore. Non risparmiando, talvolta, resoconti dettagliati suscitando imbarazzo – o eccitazione? – nel lettore.

Per attraversare le pagine, che svelano un mondo inaspettato ma sospettato, è bene svestirsi di ogni pregiudizio così come i personaggi si svestono di ogni abito. Non serve approvazione, né chi descrive le nottate nei club cerca spiegazioni, il piacere della condivisione si compie invece parola dopo parola. Fino a raggiungere il proprio culmine con la pubblicazione dei contatti in fondo al libro, grazie ai quali è possibile arrivare direttamente alla coppia nel più comodo anonimato. Seppure, per chi vi è molto vicino, non dovrebbe essere troppo difficile riconoscerla leggendo il libro.

Didi scrive forse per espiazione, guidata dalle proprie autrici predilette tra cui spicca Alina Reyes, o per metabolizzare le serate nei club o in casa. Il rifugio in posti anonimi e chiusi pare essere un timido tentativo di rivelarsi attraverso una maschera, il più classico degli espedienti. Il viaggio a Parigi, che la coppia decide di intraprendere verso la fine del libro, è cruciale perché Didi, per la prima volta, riesce a rivelarsi senza il rifugio della maschera. Una rivelazione fittizia, in verità, perché avviene altrove, lontano dalla vita quotidiana.

La vera forza del libro sta nel continuo svelare e nascondere. Un diario dettagliato scritto dall’autrice sui racconti della protagonista, che si firma con un nome fasullo. Un meccanismo che induce all’immedesimazione e che colpisce, stimola, intimidisce, fa storcere il naso, induce ammirazione. Uno sguardo senza filtri sul mondo della perversione, dell’esibizionismo, del sesso, ma sempre con garbo, eleganza e dignità. Un mondo terribilmente umano e che forse, proprio per questo, fa paura in una società che considera il sesso ancora un tabù e che accetta di parlarne solo attraverso una maschera.

Annunci

One thought on “Nuove confessioni per spezzare le ipocrisie

  1. Pingback: Quanto è morbosa questa rete | Homo Monitor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...